Prezzi stellari all’incanto a Dubai

Con la prima asta dell’anno dedicata ai segnatempo, prevista il 19 marzo a Dubai, Christie’s inizia a celebrare 55 anni di impegno nel mondo delle lancette. Sono 185 i modelli selezionati e messi all’incanto, con stime che partono da 900/1.800 euro, fino a raggiungere 414/498 mila euro del top lot della sessione, il Ref.5104P, un raro modello firmato da Patek Philippe con cassa in platino,Replica Hublot orologi semi scheletrato (e quindi movimento a vista direttamente attraverso il quadrante trasparente) e con diverse complicazioni come il calendario perpetuo e la ripetizione minuti.

o1-img967408 

Secondo orologio più quotato (con una stima di 276-460 mila euro) è un altro modello della maison ginevrina, il Ref.5951P, che monta una cassa cosiddetta di forma (ossia non tonda) in platino con calendario perpetuo e cronografo. A chiudere il podio è un Rolex molto ricercato prodotto sul finire degli anni 70 per la British Royal Navy: la quotazione tra 110 e 202 mila euro parla da sola. Altri segnatempo interessanti in asta sono certamente lo sportivissimo Royal Oak Offshore Grand Prix Limited Edition di Audemars Piguet in platino e ceramica (46-73 mila euro) e il Classique Complication di Breguet in oro bianco con tourbillon Replica orologi e calendario perpetuo (55-73 mila euro). Tra gli orologi con pietre preziose ci sono un Day Date di Rolex del 1998 (18-27 mila euro) e un Big Bang King di Hublot con cassa in ceramica e palladio del 2010 (17-27 mila euro).

o2-img391780

Per chi cerca un’orologeria d’impatto ecco Easy Diver Torbidiver di Roger Dubuis del 2005 (27-36 mila euro) e il C1 Tourbillon Gravity di una marca relativamente giovane come Concord (32-50 mila euro). Menzione d’obbligo anche per modelli che fanno parte di collezioni sempre ricercate come Nautilus di Patek Philippe (23-32 mila euro) e diversi Daytona di Rolex. Il prossimo appuntamento fissato da Christie’s per quanto riguarda le lancette è in calendario l’11 maggio a Ginevra. (riproduzione riservata)

This entry was posted in Hublot and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia una risposta