Aste: prezzi record per orologi e automi svizzeri a New York

Patek-Philippe-1

“Oiseau chanteur”, un flacone per profumo contente un automa di uccello fabbricato nel 1785 dagli orologiai svizzeri Jaquet Droz & Leschot è stato venduto per l’equivalente di 2,3 milioni di franchi, un record per gli oggetti meccanici di loro produzione. Era valutato tra gli 800’000 e 1,2 milioni di dollari.

Un orologio da tasca di replica orologi Patek Philippe è stato battuto per 914’000 franchi, una somma mai raggiunta per un orologio da tasca mondiale, che verifica l’ora locale in tutto il globo.

Gli “orologi” messi all’asta, oggetti costruiti dal 1760 ad oggi, hanno raccolto un totale di 11,5 milioni di franchi: il miglior risultato raggiunto da Sotheby’s di New York per orologi provenienti da diverse collezioni private.

Una collezione di 22 congegni meccanici smaltati fabbricati in Svizzera ha totalizzato 5,7 milioni di franchi. C’erano pezzi di grandi artigiani come Jaquet Droz o Piguet & Meylan.

This entry was posted in Patek Philippe and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia una risposta